domenica 23 febbraio 2014

Aspettiamo l'ennesimo comunicato stampa che dichiara felicemente chiusa la vicenda.

Io non avrei inaugurato.
Ho ceduto alle insistenze dell'amico e collega Attilio Mastino, Magnifico Rettore del mio Ateneo.
Ma io di mio non lo avrei fatto.
E infatti oltre tre mesi dopo quell'inaugurazione un po' farlocca, oltre quattro mesi dopo il voto unanime del Consiglio Comunale, dopo quasi un anno e mezzo dal collaudo della biblioteca, ancora non ci siamo.
Il voto unanime del Consiglio Comunale prevedeva che tutti i locali destinati all'Università venissero consegnati entro dieci giorni dal voto.

Ecco come stanno le cose: dell'ala didattica solo tre delle sette aule sono state consegnate, non finite per altro, con l'uso dei bagni all'esterno.
Della biblioteca, pronta da un anno e mezzo, ripeto, niente, solo mezze voci e quelle mezze preoccupanti..
Non so di chi è la colpa e se ci sia colpa.
Ma non avremmo dovuto inaugurare.
Ora aspettiamo di vedere se la promessa di consegnare il tutto entro febbraio sarà mantenuta; temo di no.


Non parlo qui della follia delle scelte fatte di confermare e realizzare in quella sede l'archivio storico, impedendo di realizzare un complesso educativo e culturale unitario.
Parlo solo dei ritardi, che ritengo siano immotivati e colposi.
Non so dire se premeditati.
Ripeto non so se ci sono delle colpe, ma sicuramente ci sono delle responsabilità.
Così vanno le cose in questo nostro Paese sfortunato e in questa nostra sfortunata città.